Durante la gravidanza è importante sottoporsi a controlli frequenti e costanti, tali da consentire un monitoraggio adeguato della gestazione

Uno degli esami più importanti è la cosiddetta ecografia morfologica, da eseguire nel secondo trimestre di gravidanza. 

Lo scopo principale di un’ecografia morfologica – ormai di routine – è fornire informazioni diagnostiche accurate, che consentano di offrire cure prenatali adeguate e garantire un proseguo della gravidanza sicuro per la madre e per il bambino. 

Inoltre, è l’esame ecografico che consente di conoscere, con certezza, il sesso del bambino.

Ma perché è così importante l’ecografia morfologica, in cosa consiste e in cosa differisce da una classica ecografia prenatale? 

Approfondiamo insieme. 

Quando si fa l’ecografia morfologica in gravidanza?

Iniziamo col rispondere a una domanda molto diffusa, che le future mamme si pongono quando, all’inizio della gravidanza, pianificano i vari esami e controlli da effettuare. 

Come abbiamo accennato prima, l’ecografia morfologica è un esame da effettuare durante il secondo trimestre, ovvero intorno al quarto-quinto mese di gravidanza. 

Le linee guida del Ministero della Salute suggeriscono, infatti, di effettuare la morfologica tra la 19a e la 21a settimana di gravidanza.  

Perché proprio in questa fase della gravidanza? 

Perché è questa il periodo in cui risulta possibile datare la gravidanza e diagnosticare tempestivamente anomalie congenite.

Per sapere quali controlli effettuare in gravidanza e in che periodo, ti consigliamo di consultare questo opuscolo del Ministero della Salute.  

L’ecografia morfologica del secondo trimestre rientra nei nuovi LEA, come indicato nell’allegato 10

Per gli iscritti al Fondo FASDA è previsto un pacchetto maternità che copre visite ginecologiche, ecografie, analisi chimiche, amniocentesi e villocentesi. Scopri di più cliccando qui

A cosa serve l’ecografia morfologica

L’ecografia morfologica del secondo trimestre viene effettuata per determinare l’età gestazionale ed eseguire tutte le misurazioni fetali necessarie a diagnosticare, in modo tempestivo e precoce, eventuali anomalie, comprese le malformazioni congenite o possibili gravidanze multiple.

Cosa viene misurato con questo esame? 

  • Attività cardiaca;
  • numero di feti;
  • età e dimensioni fetali;
  • anatomia fetale;
  • aspetto e localizzazione della placenta e del liquido amniotico;
  • movimenti fetali.

Per stimare l’età gestazionale si prendono in considerazione i seguenti parametri

  • dimensioni fetali;
  • diametro biparietale;
  • circonferenza cranica;
  • circonferenza addominale o diametri addominali;
  • lunghezza della diafisi femorale.

Si tratta di un esame complesso, che richiede strumentazioni specifiche e un operatore esperto, il quale deve verificare i seguenti requisiti minimi  per la valutazione anatomica fetale: 

  • Testa: cranio integro, cavo del setto pellucido, linea mediana, talami, ventricoli cerebrali, cervelletto, cisterna magna; 
  • Faccia: presenza di entrambe le orbite, profilo mediano del volto, presenza della bocca, integrità del labbro superiore;
  • Collo: assenza di masse;
  • Torace/Cuore: aspetto normale per forma e dimensioni di torace e polmoni, presenza di attività cardiaca, scansione delle 4 camere cardiache con cuore in posizione normale, efflussi aortico e polmonare, nessuna evidenza di ernia diaframmatica; 
  • Addome: stomaco normoposizionato, anse intestinali non dilatate, presenza di entrambi i reni, normale inserzione del cordone ombelicale; 
  • Scheletro: assenza di difetti spinali e masse (scansioni trasversali e sagittali), presenza degli arti superiori e mani, rapporti conservati, presenza degli arti inferiori e piedi;
  • Placenta: posizione, assenza di masse, eventuale lobo accessorio;
  • Cordone ombelicale: cordone con tre vasi; 
  • Genitali: sesso maschile o femminile. 

Abbiamo detto che con l’ecografia morfologica è possibile identificare molte malformazioni, ma può capitare che alcune di esse non vengano riconosciute, così come è possibile che si sviluppino in fasi successive della gravidanza. 

Per questo motivo va considerato come un esame di screening e non diagnostico, a differenza quindi di amniocentesi e villocentesi.

Si tratta, in ogni caso, di un esame sicuro per la mamma e per il feto. 

Per approfondire ti invitiamo a consultare le linee guida della SIEOG, la  Società Italiana di Ecografia Ostetrica e Ginecologica e Metodologie Biofisiche.